3 ottobre 2016

Analisi Ale Pao


Ale Pao 
Gamine 35% Dramatic 35% Ingenue 15% Ethereal 15%
 Somewhere Over The Rainbow



<<Da qualche parte sopra l'arcobaleno
proprio lassù,
ci sono i sogni che hai fatto
una volta durante la ninna nanna.
Da qualche parte sopra l'arcobaleno
volano uccelli blu
e i sogni che hai fatto,
i sogni diventano davvero realtà.
Un giorno esprimerò un desiderio su una stella cadente
mi sveglierò quando le nuvole saranno lontane dietro di me
dove i problemi si fondono come gocce di limone
lassù in alto.
Sulle cime dei camini, è proprio lì che mi troverai
da qualche parte sopra l'arcobaleno, volano uccelli blu
e i sogni che hai osato fare, oh perché, perché non posso io?>>

Solo il testo di questa canzone poteva esprimere al meglio l'essenza di Ale.
Una donna che sembra esprimere il quesito Shakespeariano:"Sogno o son desto?!"
Una bellezza fuori dal comune, che nel volto ha innocenza surreale.
Attenzione non è la Lolita dalla bellezza peccaminosa che tenta il quarantenne in crisi solo esistendo.
Ale è la ninfa che si bagna nel ruscello mentre il mondo trova il tempo per fare la guerra.

Premessa: il sistema, nel suo significato più generico, è un insieme di elementi o sottosistemi connessi tra di loro o con l'ambiente esterno tramite reciproche relazioni, ma che si comporta come un tutt'uno. Le mie analisi si servono di varie discipline, come ad esempio l’armocromia, il metodo Kibbe, la storia del costume e moda, il linguaggio corporeo, il make up etc, ma la visione di una persona è una visione olistica, ovvero guardo l’insieme di un essere umano e cosa funziona su di lui/lei e cosa no. Partiamo con ordine. Ale è particolare. La parte superiore dei suoi outfit è decisamente Dramatic: a lei il 90% degli scolli non donano, ha bisogno di spigoli, di scollature asimmetriche, di “magliette con i buchi”, di tutto ciò che è irregolare. 
Le scollature sono importanti in un outfit, ornano il viso. 
La parte centrale è davvero centrale: è la prima cosa che si nota visivamente dopo il volto. Lo scollo tondo rinforzato è scollato a forma di disco, più profondo sul petto. Adatti a lei sono i colletti alla coreana, tutti i colletti rigidi delle camicie, il colletto convertibile e persino il collo alla Peter Pan o smerlato. Quest’ultimo la dice lunga sulla sua componente ingenue. E’ un colletto ricurvo e senza punte, segue la forma del collo e rimane piatto sull'indumento. La classica scollatura a V, insieme a quella a goccia ed a quella a fessura sono indicate.










Nella sua figura l’elemento yang è ben presente ma è smussato, ha bisogno di movimentare i look ma in maniera minimal sulla parte superiore del fisico. 
I capelli: il taglio dei capelli può avere praticamente ogni forma, a seconda della tipologia del capello, tagliati corti ai lati e dietro, ma lasciati lunghi sul davanti; sotto l’orecchio da un lato, sopra l’orecchio dall'altro, rasati dietro in un taglio affilato e a strati con volume sulla nuca. Consigliati i tagli corti. I tagli trendy risultano molto eleganti. 










Outfit: La vita deve essere segnata, tutto ciò che è oversize e largo la penalizza. La difficoltà in lei è mescolare elementi yang e yin, creare un equilibrio con qualcosa di vintage oltre qualche elemento rock o punk. Per lei gli scolli e la parte superiore degli outfit sono essenziali. Anche le giacche le stanno bene, purché corte e tagliate col colletto classico e vagamente vintage. Per quanto riguarda le maniche gli stili variano. Non mi dispiacerebbero a tre quarti, reglan, kimono con la vita segnata. Anche un semi palloncino altezza spalla non le starebbe male, perché il suo elemento ingenue le consente di giocarci, anche se sconsiglio elementi Romantic nella parte superiore dei suoi outfit. 
Bisognerebbe contaminare capi assolutamente contemporanei con tocchi vintage e classici. 
Un outfit che funziona sarebbe rappresentato da elementi di base Dramatic ammorbiditi dall'allure antico e surreale.


Tipi di tessuto: Ecco, considerando la percentuale Gamine, giocherei molto nel mischiare varie texure per creare un contrasto di cui lei ha bisogno. Eviterei i tessuti pesanti usati assoluti. Si potrebbero azzardare solo per le giacche, ma con cautela. Un SI secco ai tessuti leggeri come: organza di seta, pizzo, seta habotai particolarmente morbida, pelle d’uovo – un tessuto leggerissimo increspato che assorbe umidità-, lo chiffon, il dupion di seta, il lino, i tessuti a quadretti Vicky, il Mandras, la microfibra, il jersey di cotone, il taffetà. 
Tessuti pesanti: Flanella, lana pettinata, pile, bouclè, tweed, tartan, ecopelle, tessuto felpato. Tessuti da evitare: il denim, il jeans in generale soprattutto come pantaloni, i broccati, il velluto (solo per le giacche), le pellicce, la pelle scamosciata molto natural.  
Pantaloni: Tutti i pantaloni a gamba dritta sono perfetti, non gli skinny (da abolire), i pantaloni classici, i pantaloni di pelle alla Jim Morrison, i pantaloni Capri, i bermuda, i pantaloncini a quadri, gli shorts etc. Ad Ale dona il corto, infatti ha una bella componente Gamine. Lo stile Preppy è una valida alternativa, il pantaloncino a quadri alla Ivy League con un sopra semplice e una giacca sagomata le starebbe un incanto. 
Vestiti: Il classico tubino lavorato con del pizzo, e anche il modello svasato. Le gonne svasate vanno tutte bene purché corte e non eccessivamente svasate.  
Stili ed accessori: Mischierei righe e pois mettendo qualche pizzetto leggero qua e là. Sceglierei capi basici, il dettaglio classico e l'effetto sorpresa del capo decontestualizzato. Forse i sopra li terrei a tinta unita mentre i sotto decisamente a fantasia. Userei il capo d'avanguardia, una scivolata bohemian corta con un capo militare trasformato in civile ed urbano. In generale con lei più che di stratificazione parlerei di uno stile minimal sopra e più elaborato nella parte sotto, scarpe comprese. Ad esempio sarebbe da sperimentare una gonna destrutturata di media lunghezza con un dolcevita in cachemire, field jacket e stivali da cavallerizza, secchiello vintage o una borsa modello postina.

































































Scarpe: in questo settore ha veramente l’imbarazzo della scelta, può passare dallo stile retrò al rock senza continuità, contaminando i suoi look come meglio crede.
Possiamo citare: Beatles, Loafer, Oxford, francesine, mocassini, tronchetti, biker ed anfibi.



 












 


























Profumi: Da una parte consiglierei la famiglia degli esperidati perché sono fragranze estremamente frizzanti dove gli agrumi rimangono molto persistenti e il lato Gamine viene rappresentato bene con i fruttati e gli agrumati. Poi consiglierei gli esperidiati leggermente floreali. Considerando l’armocromia e il suo lato Dramatic ed Ethereal oltre al bergamotto, consiglierei una una nota marina. Infine pure i legnosi sono adatti considerando il lato Dramatic. I legnosi sono simbolo di decisione ed eleganza. Bello un mix di legni con del cuoio e dell’incenso.



Ho detto più o meno tutto, a presto
Giusy Dg per Rossetto e Merletto.

Nessun commento:

Posta un commento